Una latta da Museo

Hai mai sentito parlare dell’Olio Verdi, o dell’Olio Giuseppe Mazzini?
O forse hai assaggiato l’Olio D’Annunzio?

No,vero… Sai perché?
Questi erano i nomi “d’arte” usati dalle imprenditorie nazionali per indicare sulle latte le principali marche d’Olio Italiane esportate nel XVI e nel XX secolo. Questo perché in quell’epoca i moltissimi Italiani che espatriarono, dall’estero richiedevano sulle loro tavole non solo un olio d’eccellenza ma soprattutto avere una confezione accattivante, che ricordasse la propria patria. Da qui nacque la fabbricazione di latte per l’olio con effigiate tutte quelle immagini che meglio rappresentavano il nostro Paese.

Nel 2006, nell’entroterra di Imperia, all’interno di un frantoio del XVII secolo nasce il Museo della latta d’olio per volontà della famiglia Guatelli. Il museo ospita oggigiorno una collezione contenente 6000 imballi, i quali sono stati oggetto di un attento lavoro di schedatura e catalogazione. Questa collezione rappresenta un originale ma importante tassello nella storia dell’emigrazione italiana nel mondo.

Dove si trova